brunch-vegano-pasqua

Brunch vegano per una Pasqua senza sofferenza

Siete alla ricerca di idee per un brunch vegano di Pasqua? La cucina vegetale offre tanti spunti, per portare a tavola colori e sapori, che faranno di questa festa un momento di condivisione non solo del cibo, ma anche un’occasione unica per stare tutti insieme pensando a quello che è il vero significato della vita. La semplicità, la fantasia e l’amore, forse sono le uniche armi per affrontare qualsiasi cosa.

Tradizioni da sostituire

Quando si è piccoli si amano tutte le feste del calendario, forse perché si percepisce che c’è aria di allegria, o forse perché le scuole sono chiuse, o forse chissà per quale motivo.

Crescendo le feste iniziano a diventare una cosa scontata, quasi un obbligo. Ma continuiamo tutti ad imbandire la tavola durante una festività, con pietanze saporite, golose, ricche, e tutti ci nutriamo di cibo come se non ci fosse un domani.

Ma avete mai pensato che le tradizioni spesso a causa di una festa, portano soltanto dolore e sofferenza a tante altre creature?

Visto che ci avviciniamo alla Pasqua, una festa, secondo me segnata da tradizioni alquanto barbare, come quella di portare in tavola l’agnello, simbolo del sacrificio per eccellenza, vorrei proporvi una soluzione per essere tutti più felici. E soprattutto per lasciare liberi alla vita questi cuccioli di circa un mese.

Ricette per preparare un perfetto brunch vegano per una Pasqua senza sofferenza

La tradizione vuole che la colazione pasquale avvenga dalle 10:00 alle 12:30. Io inizierò ad apparecchiare la mia tavola appena aprirò gli occhi! Sentitevi liberi anche voi di mangiare quando vorrete. Metterò le pietanze che cucinerò tutte sulla tavola, gustando in un unico piatto tutto quello che mi piace.

Sfiziosi assaggini: sccopriamo il cibo da mettere a tavola nei giorni pasquali

Adoro la crostata salata di carote e curcuma, facilissima da fare e con pochissimi ingredienti: userò per 2 persone 1 carota, un cucchiaino di curcuma e la pasta brisèe. Cuociamo al vapore la carota che frulliamo quando è cotta, aggiungiamo la curcuma e mescoliamo tutti gli ingredienti aggiustando di sale e pepe, e un filo d’olio. Mettiamo la crostata salata in forno preriscaldato a 180° per circa 20 minuti.

Sulla mia tavola ci saranno anche le frittelle di mais ed erba cipollina, carciofi grigliati con dressing di limone e zenzero e la salsetta bianca al cetriolo e pepe rosa per gustare le verdure cruditè.

Per la mia Pasqua Vegan preparerò, inoltre la vellutata di broccolo siciliano, patate e semi di chia con crostini dorati e la lasagnetta di pane carasau agli asparagi e finocchietto.

Arrosto si, ma di sedano rapa!

Mi delizierò con le polpettine di legumi con erbe aromatiche con insalatina di cavolo viola, arance e uva sultanina.  

E non è Pasqua senza arrosto! Lo farò con il sedano rapa e patate con rosmarino. Questo piatto rappresenta una valida alternativa all’agnello. Potrò dire, che il mio arrosto di sedano rapa è sicuramente un piatto che ci riempirà la pancia, e ci farà venire l’acquolina in bocca grazie alla sua croccantezza.

Non mancheranno i dolcetti, come i Bon Bon al cocco, cachi e cacao e tanta frutta cioccolatosa di stagione che non mi faranno rimpiangere nulla della Pasqua tradizionale.

Cogliete l’occasione, scegliete anche voi la vita, non è mai tardi per cominciare!

A Pasqua scegliete vegan!

Se volete scoprire tutte le ricette scrivete a pianetavegan@antonellatomassini.com , sarò lieta di darvi consigli e suggerimenti per la vostra Pasqua speciale!

2 commenti su “Brunch vegano per una Pasqua senza sofferenza”

    1. Grazie Mauro, sarebbe magnifico che tutti portassimo in tavola i colori e i sapori della vita, non solo a Pasqua ma sempre! Dimostrare che si può creare una cucina senza sofferenza, è questo l’obiettivo che mi pongo ogni giorno. Tutto può cominciare…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shopping Cart