pianeta-vegan

Come nasce Pianeta Vegan

Ho iniziato questa avventura, denominata  da me Pianeta Vegan, molti anni fa. Per l’esattenza più di trent’anni fa.

Ero un’adolescente piena di brufoli. Amavo andare al mare d’estate, abbrustolirmi sotto il sole e tuffarmi dagli scogli. Mi piaceva studiare il latino e il greco, ma passavo anche pomeriggi interi a tradurre le canzoni dei Police, degli Smith, e dei Cure, i miei cantanti preferiti di allora, fingendo di fare i compiti.

Adoravo già la focaccia pugliese ai pomodorini, le orecchiette alle cime di rapa, il pane al pomodoro, (con il quale sono cresciuta), le melanzane di riso e i peperoni ripieni, che mia madre preparava tutti i giorni come se fosse una festa.

Volevo un animale da amare e coccolare, ma non l’ho mai potuto ospitare in casa perchè mi hanno sempre insegnato che gli animali devono vivere liberi nel loro ambiente. Ho dovuto, prima di adottare i miei amici a 4 zampe, aspettare che andassi a vivere per conto mio.

Diventare vegan

Questa ero io, prima di Imparare che senza carne si potesse vivere. Vivere felicemente.

Gli eventi che mi hanno portato a scegliere vegan mi fluttuano nel tempo della mente. E’ passato un po’ di tempo ma conservo ancora l’emozione di quei giorni.

Oggi mi sento trasportata come su una nuvola leggiadra, dove osservo dall’alto quello che sta succedendo al Pianeta.

Cosa sta succedendo al Pianeta

Allevamenti intensivi che rendono gli animali schiavi, maltrattati e trattati senza rispetto. Ci sono anche animali che vengoni usati al circo per far divertire gli umani, animali che vengono uccisi per “sport”, ecc.

Dilaga purtroppo lo spreco di acqua e cibo, siamo circondati non solo dalla plastica ma anche dalla cattiveria e dalla noncuranza.

L’unica cosa certa è che non possiamo restare inermi a guardare quello che sta succedendo. Dobbiamo essere in grado di poter segnare il cambiamento, anche compiendo un minimo passo alla volta.

Sostituire le nostre abitudini (non solo alimentari) è possiile. Facciamolo allora. Creiamo ogni giorno il nostro Pianeta Vegan all’interno del nostro cuore.

I primi passi verso il veganismo

Cominciamo a cibarci di solo verdure, frutta, cereali, semi oleosi e frutta secca. Questo è il primo passo.

Il resto viene da se, informiamoci sempre di più sulla rete, leggiamo cosa scrivono i grandi maestri del veganismo. A quel punto saremo sempre più attenti a comprare solo il necessario, a diminuire l’uso dei prodotti inquinanti e chimici. Preferiamo materiali più innovativi che aiuteranno sicuramente il nostro Pianeta a sopravvivere. Portiamo rispetto per tutti gli animali, per tutti gli esseri viventi e scopriremo che gioia e serenità non ci mancheranno mai.

Pianeta Vegan, il libro e il portale

Quando ho scritto Pianeta Vegan, il mio libro d’esordio, ho voluto trasmettere alla gente la mia esperienza. Ho sottolineato con semplicità che i piatti vegani sono cibo allegro, perchè non arrecano sofferenza agli animali oltre ad apportare benessere al nostro organismo.

Mi rende fiera raccontare la mia testimonianza, perchè so che può essere utile a qualcuno che magari si vuole avvicinare a questo stile di vita e ha dubbi o incertezze.

Il mio viaggio su Pianeta Vegan oggi continua sulle pagine virtuali di questo mio nuovo portale, nato grazie alla collaborazione con Marco di Appets, un umano speciale che dedica la sua vita al bene degli animali. Da sola non ci sarei riuscita!

Spero che troviate tempo per visitare il mio spazio, e mi auguro che possiate prendere spunto per trasformare la vostra vita oltre che a imparare a cucinare cruelty free.

I miei ringraziamenti

Grazie, grazie, grazie.

A tutte le persone che ho incontrato e che incontrerò nel corso degli anni, che hanno voluto condividere o condividono con me i propri progetti per aiutare gli animali, a quelle che ho intervistato e intervisterò.

L’augurio che mi faccio è quello di essere sempre più numerosi a popolare Pianeta Vegan, un microcosmo che in fondo è presente in ognuno di noi.

Scopri i miei libri!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *