Pianeta Vegan
ortaggi antichi cucina vegana

Ortaggi antichi da riscoprire: quali sono e perché fanno bene

Vi è mai capitato di vedere sui banchi del mercato ortaggi antichi, insoliti o dimenticati, con forme e colori particolari? Se andiamo a curiosare in un mercatino etnico o biologico scopriremo che esistono diverse verdure da portare in tavola a noi sconosciute, ricche di proprietà nutrienti e salutari che ci colpiranno per il buon gusto.

Quali sono gli ortaggi antichi

Alcuni sono ortaggi ai quali siamo abituati ma che cambiano di colore, tipo la carota bianca o viola, o la melanzana bianca o rossa,  o la patata rossa. Altre sono invece specie del tutto sconosciute provenienti da altri paesi.

La curiosità è tanta, ed il mio giro al mercatino diventa una esplorazione di gusto.

Se amiamo sperimentare in cucina, ecco allora una cesta di ortaggi, carica di novità e nuovi sapori: scopriamoli insieme!

Cucina vegana con ortaggi antichi 

La pastinaca è una radice che ricorda una carota, dal colore giallo o crema e dal sapore dolce. Si può mangiare cruda ma anche cotta, poiché diventa più digeribile e saporita. Fa bene al nostro organismo ed è ricca di fitonutrienti, vitamina C, K, E e del gruppo B, minerali come ferro e calcio e moltissime fibre.

Proprietà simili ha la scorzonera, dalla forma simile a una carota contorta e con la buccia nera, ma che appartiene alla famiglia dei carciofi. È una radice dal sapore amarognolo ma delicato, ricca di vitamina E e sali minerali come potassio, ferro e manganese. Aiuta a mantenere l’equilibrio intestinale ed ha proprietà drenanti e disintossicanti.

Anche la manioca, chiamata anche tapioca, è un ortaggio insolito, originario dell’America Centro-Meridionale. È un tubero simile alla patata con polpa chiara e l’esterno marrone scuro. È priva di glutine e ricca di amido, carboidrati, calcio e fosforo. Si cucina fritta o bollita e per preparare un ottimo purè.

Scopri i mio corso online di cucina Vegan nel Mondo

Il cavolo rapa, è un ortaggio antichissimo diffuso durante la Seconda Guerra Mondiale, ricco di vitamina C, può essere consumato crudo, o cotto al vapore e al forno ed anche le foglie sono commestibili.

Il daikon è un ortaggio con una grande radice lunga e bianca e delle foglie simili a quelle delle rape. Ha tantissime proprietà nutritive, utile soprattutto per rinforzare l’organismo e per sciogliere i grassi in eccesso nell’organismo.

Acquista i semi antichi, facili da coltivare. 

Il fagiolo di Goa, noto anche come pisello asparago per la sua forma, è invece un legume con baccelli a forma di stella a quattro punte, ed ha un elevato valore proteico. In Indonesia è un alimento prezioso, infatti da questo legume si prepara un latte vegetale per alimentare i bambini che soffrono di anemia.

Anche la portulaca, può considerarsi un ortaggio insolito e dimenticato, ricca di omega-3, magnesio e ferro.

Ritorniamo a mangiare gli ortaggi antichi

Tra gli ortaggi dimenticati ci sono anche la carota viola, ricca di antiossidanti utili per combattere i radicali liberi, la melanzana rossa di Rotonda che è una melanzana molto particolare non solo per il colore e la forma simile a un pomodoro e che è coltivata in particolare in Basilicata, di cui si consumano anche le foglie.

Segnalo anche la melanzana bianca che a differenza di quella viola, ha una bassissima presenza di semi ed ha un gusto più delicato. Così come la zucchina gialla che ha un sapore più dolce e delicato rispetto alla zucchina comune. E il pomodoro giallo che è meno acido e dal sapore più dolce rispetto ai classici, ricchissimo di betacarotene.

Infine, ricordiamo l’okra, un ortaggio che è simile ad un peperoncino verde ma con un sapore che ricorda un po’ quello degli asparagi con un basso contenuto calorico, contiene molte vitamine, tra cui A e C, acido folico, calcio, zinco e fibre. Si può mangiare fritta, oppure saltata in padella o gratinata al forno.

Impariamo a cucinare questi ortaggi antichi, che in passato erano alimenti primari e che per fortuna stanno tornando un po’ alla volta anche sulle nostre tavole, poiché rappresentano una ricchezza sconosciuta per il nostro benessere. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Carrello